Un mondo parallelo: il Dark Web

Nell’articolo HackeriAMO: il mondo dell’elettrone e dello switch è stato citato il Dark Web; oggi lo vedremo più nel dettaglio. Ho avuto modo di approfondirlo leggendo il libro “Tecnologie del Dominio” del Collettivo Ippolita per l’esame di Epistemologia dei nuovi media.

Innanzitutto partiamo da che cos’è il Web: una piccola parte di Internet che comprende tantissimi IperTesti, ossia un insieme di documenti organizzati in siti web, identificati dall’indirizzo URL e consultabili da tutti tramite il browser che si preferisce (Google, Safari, Mozilla Firefox, Microsoft Edge).

A seguire c’è il Deep Web, non indicizzabile dal motore di ricerca, e un’altra piccola parte di Internet: il Dark Net, la Rete Oscura. Chiamata così perché è nascosta: maschera, oscura gli indirizzi IP e quindi difficilmente si riesce a scoprire l’identità dell’utente.
L’esempio più famoso di queste reti chiuse è TOR (The Onion Router); il browser Tor viene utilizzato come strumento di navigazione apposito per accedere al Dark Web: la piccola parte del Dark Net che utilizza appunto reti private e di norma non raggiungibile attraverso i più comuni motori di ricerca.
I siti onion sono i siti che si appoggiano sulla Rete Tor e hanno quindi il dominio .onion; quello più utilizzato del Dark Web è Facebook sotto onion in quanto in alcuni paesi (Cina, Iran) è illegale accedere a questo social network attraverso le normali connessioni.

Ma a cosa serve il Dark Web? Come detto sopra può essere utilizzato nei peasi in cui dei siti sono stati censurati e quindi l’unico mezzo per accedervi è il Dark Web. Viene però usato anche per comprare o vendere merci illecite come droga, armi, sicari, carte di credito rubate e tantissime altre cose.
È un enorme mercato nero online.
Come vengono pagati tutti questi beni/servizi illegali? Attraverso bitcoin, una criptovaluta: moneta elettronica decentralizzata basata sulla tecnologia crittografica di blockchain.

In conclusione possiamo dire che il Dark Web è un vero e proprio mondo parallelo che non tutti conoscono.


Seguici sui social

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...